Tasse 2020: imposte nella Manovra valgono 9,5 Miliardi di Euro

Tasse 2020: imposte nella Manovra valgono 9,5 Miliardi di Euro

La Manovra economica è stata già presentata dal governo e nei prossimi giorni dovrebbe di nuovo subire modifiche. Ma quali sono le imposte che aumentano e quali rimangono abbattute? Proviamo a capire quali sono le nuove tasse nella nuova legge di Bilancio e nel decreto fiscale (124 del 2019).

Tasse Manovra 2020: cosa prevede

Il punto di vista più rilevante ha a che vedere con le voci d’entrata che, nel 2020, sono di tipologia tributaria o contributiva. L’operatività principale riguarda il disinnesco delle cosiddette clausole di salvaguardia, cioè l’aumento dell’Iva, per un ammontare complessivo totale di 23,1 miliardi. Altro punto riguarda il fondo di 3 miliardi che ha lo scopo di andare a tagliare la tassazione sul lavoro, a questo punto per sgravare le imprese in modo da favorire l’assunzione di nuove risorse.

Le entrate tributarie aumenteranno di gran lunga. Ciò sarà dovuto al pacchetto di 3 miliardi di euro provenienti dalla lotta all’evasione fiscale e alle frodi nei settori energetico e carburanti. Misura imponente risulta soprattutto quella a carico delle banche con più di 1,5 miliardi che derivano dal blocco della deduzione di voci in bilancio.

Nuovi tributi

Con la cedolare sugli affitti finiscono i tagli fiscali della manovra. Che in compenso prevede un bel pacchetto di nuovi tributi e aggravi di imposta. Le tasse sulla plastica (1 miliardo di gettito nel 2020), quella sulle bevande zuccherate (200 milioni), l’aumento di quelle sui giochi e le lotterie (900 milioni nel 2020, il doppio a regime), sulle auto aziendali (300 milioni l’anno) e sul tabacco e gli accessori (100 milioni). Poi la stretta sulle compensazioni tra crediti e debiti fiscali, che vale un miliardo, l’abrogazione del secondo modulo e i ritocchi al regime della flat tax, che valgono 200 milioni nel 2020, ma 1,7 miliardi nel 2021, la tracciabilità delle detrazioni fiscali (800 milioni dal 2021).

Leggi anche: Consob: in Italia 1 su 3 non sa cosa sia un Conto Corrente

Ivano Vangone