Come organizzare un trasloco senza stress

Come organizzare un trasloco senza stress

Devi traslocare in una nuova casa ma non sai come fare? Fare un trasloco può essere fonte di grande stress psicologico, ma con il giusto metodo riuscirai a fare un trasloco perfetto fai da te. Ecco una lista delle cose da fare per il trasloco, dalla tempistica alle scatole, per organizzare un trasloco senza stress in modo semplice e pratico. 

Come organizzare un trasloco perfetto

Organizzare un trasloco può sembrare un’impresa impossibile per chiunque non sia Marie Kondo.
Eppure, con qualche accortezza è possibile effettuare un trasloco perfetto, senza stress o ansia. 
La prima cosa da fare quando si vuole traslocare è darsi un metodo e, soprattutto, delle tempistiche. Organizzare un trasloco richiede tempo anche per effettuare operazioni come la voltura delle utenze o il trasferimento della linea internet. In maniera particolare, queste operazioni richiedono delle tempistiche precise che si devono rispettare, per non cadere nel rischio di ritrovarci nella senza gli allacci necessari. 

Ecco dunque una lista di cose da fare per un trasloco, per vivere il cambio dell’abitazione in modo sereno. 

Cosa fare prima di un trasloco

Prima di iniziare il trasloco occorre approntare un calendario delle attività da svolgere per avere un quadro generale della situazione e seguirne il procedimento. É importante informarsi circa le tempistiche burocratiche per cambiare i contratti delle utenze, la linea internet e la disdetta della casa.

Trasferirsi in una nuova casa è un momento perfetto per eliminare gli oggetti superflui, per questo è necessario fare un po’ di decluttering. Scegliere cosa eliminare prima di un trasloco. Liberarsi del superfluo permette di alleggerire non solo il trasloco, ma anche gli spazi di casa e, per evitare sprechi. E’ bene donare gli oggetti a parenti, amici o associazioni di beneficenza. 

Come organizzare i pacchi per il trasloco

Una volta compiute queste operazioni è arrivato il momento temuto degli scatoloni. Occorre avere ben chiaro come fare pacchi per un trasloco in modo ordinato per non rischiare di ritrovarsi sommersi dalle scatole senza sapere cosa contengano. 

Per fare un trasloco con metodo, è bene dotarsi di un kit per scatole (nastro adesivo, forbici, pennarello) da avere sempre a portata di mano. É consigliabile inscatolare gli oggetti di cui non abbiamo esigenza al momento (es. vestiti fuori stagione); successivamente scrivere sulla scatola in modo visibile il contenuto che ospita.
Per confezionare oggetti fragili è meglio preferire scatole più piccole e resistenti, prestando attenzione a ricoprire ogni singolo oggetto nel suo imballaggio. 

Una volta completato l’inscatolamento, occorre iniziare a svuotare il frigo e il freezer che dovranno essere vuoti e sbrinati il giorno del trasloco.

Un consiglio utile per il trasloco è di dotarsi di uno zaino contenente alcuni elementi essenziali ( cambio vestiti, oggetti per l’igiene personale, biancheria da letto); con lo zaino potrei trasportare tutto nella nuova casa e averli subito a portata di mano. 

Organizzare un trasloco in Italia o all’estero

Le modalità di trasloco all’estero sono principalmente due: tramite l’utilizzo di una nave trasporti o grazie agli aerei cargo. Da una veloce analisi su costi e praticità, per le grandi quantità di merce e le lunghe distanze il trasporto marittimo e aereo risultano essere le modalità migliori da scegliere.

Per questo tipo di spedizioni è importante sapere che la complessa parte documentale e burocratica viene gestita sempre dall’agenzia che abbiamo ingaggiato per il nostro trasloco all’estero. Se invece devi traslocare in un Paese Europeo o comunque in una nazione più facilmente raggiungibile, dovrai rivolgerti ad un’azienda che effettua traslochi all’estero con i camion.

Cosa fare dopo aver traslocato

Una volta arrivati al fatidico giorno del trasloco, è bene dare un ultimo controllo alla casa per assicurarsi di non aver dimenticato nulla.
Effettuare la lettura dei contatori, disattivare le utenze e riconsegnare le chiavi di casa.
Organizzare la casa dopo il trasloco può sembrare la parte più semplice dell’operazione ma anche in questo caso può rivelarsi una grande fonte di stress. Una volta che tutti i nostri scatoloni sono impilati al centro della nuova casa, arriva il momento di sistemare negli appositi spazi le cose imballate. 

Prima di tutto, è necessario effettuare una supervisione della casa e controllare che tutti gli impianti funzionino perfettamente (in particolare impianto idrico e elettrico). Successivamente procedere con le pulizie di casa, iniziando con cucina e bagno.
Al momento di aprire e sistemare gli scatoloni è bene partire da quelli più urgenti fino a quelli meno importanti; é necessario prestare attenzione a non perdere nulla durante gli spostamenti. 

Per chi ha bambini è sempre meglio coinvolgerli nel trasloco nella nuova casa in modo semplice e creativo, come fosse un gioco. Chi possiede, invece, degli animali domestici è consigliabile lasciarsi per qualche giorno in un’area protetta della casa; lasciare che si ambientino gradualmente da soli nella nuova abitazione. 

In conclusione, per fare un trasloco perfetto occorre:

  1. darsi del tempo
  2. stabilire degli obiettivi precisi in ordine di priorità, avendo cura di tenere sempre tutto sotto controllo.

Basta darsi un metodo e una lista di cose da fare per essere certi di riuscire a organizzare un trasloco senza stress o ansia.

Prova a leggere anche:
Prestiti personali: quali finanziamenti online valutare

Francesco De Simone