Alternative ecologiche per l’arredamento interno

Alternative ecologiche per l’arredamento interno

Quando decoriamo i nostri interni, badiamo ad alcuni fattori importanti.
Non ci viene sempre in mente che i materiali e gli oggetti scelti per l’estetica non sono in realtà alternative ecologiche.
In effetti, spesso sono pieni di sostanze chimiche e non sono realizzati con materiali riciclati e ancor meno ecologici.
È giunta l’ora di ampliare i nostri orizzonti in fatto di tempo libero, ma soprattutto di arredamento. Non ci viene sempre in mente che i materiali e gli oggetti scelti per l’estetica non sono in realtà alternative ecologiche, esclusi ad esempio quei bei pavimenti in legno che sono sempre più rari
Scopri 5 alternative ecologiche per decorare la tua casa!

Alternative Ecologiche: I muri

I rivestimenti murali più comunemente utilizzati, come vernici, carta da parati o pannelli in PVC, non sono noti per le loro qualità ecologiche. E per una buona ragione, contengono sostanze chimiche che possono persino rivelarsi tossiche. Inoltre, la loro produzione è tutt’altro che eco-responsabile poiché richiedono l’eccessiva estrazione di materie prime, come ad esempio il petrolio.

Fortunatamente, ci sono alternative naturali ed ecologiche a questi rivestimenti murali. Scegliendo uno dei materiali elencati di seguito, l’impatto sull’ambiente può essere considerevolmente limitato:

  • Il sughero
  • Carta da parati in carta riciclata o carta da parati compostabile a base vegetale
  • Bambù
  • Pannelli in legno massiccio
  • Intonaci naturali a base di argilla, gesso o calce
  • Pitture naturali

E non fatevi prendere dal panico, questi materiali biodegradabili sono altrettanto (o più) resistenti!

Alternative Ecologiche: Il pavimento

Anche le pavimentazioni più popolari non sono i più ecologici. Pertanto, piastrellatura, laminato o moquette non sono francamente raccomandati, in particolare a causa dei trattamenti chimici a cui sono soggetti. Per un arredamento completamente naturale, è meglio:

  • Parquet di bambù
  • Il parquet in legno massello, e più in particolare il rovere e il castagno
  • Fibre vegetali, ovvero sisal, cocco o alghe marine (la più resistente delle tre)
  • Linoleum, composto da olio di semi di lino, sughero e legno
  • Sughero
  • Tappeto ecologico, realizzato in carta o pelo di capra

Nota che i pavimenti in legno devono provenire da foreste gestite in modo sostenibile, altrimenti perdono gran parte del loro interesse ecologico!

Alternative Ecologiche: I mobili

Per quanto riguarda la scelta dei mobili (divano, tavolo, letto), è possibile optare per il riciclo! In effetti, molti mobili vengono gettati via o donati ogni anno ad associazioni. Tuttavia, molti di questi mobili di seconda mano potrebbero renderti felice e vivere una seconda, anche una terza o una quarta vita. A volte basta un po’ di vernice per personalizzarli e ridare loro lo splendore della loro giovinezza. E a volte sono persino utilizzabili così come sono.

Se questa opzione non ti tenta e desideri assolutamente acquistarne di nuovi, sappi che esistono mobili ecologici:

  • I Mobili in legno, anche per quelli recuperati dalla spiaggia
  • Mobili in bambù: il bambù non è un albero ma una pianta, richiede meno acqua per crescere, il che riduce il suo impatto ecologico!
  • In cartone: leggeri e molto più resistenti di quanto immagini!
  • Mobili in rame: oltre a dare un tocco originale alla decorazione, sono infinitamente riciclabili!

Buono a sapersi.
I marchi di decorazioni verdi utilizzano materie prime locali.
Optano per un metodo di produzione locale, anche artigianale, per ridurre il loro impatto sul carbonio.

Tessili

Per i tuoi cuscini o anche le tue coperte, sono possibili materiali naturali! Infatti, con marchi ecologici, siano essi lana, feltro o cashmere, sono garantiti senza trattamenti chimici e raccolti in modo responsabile.

Ciò significa che l’artigianalità viene proposta così come il rispetto per gli animali. Ad esempio, per la lana, le pecore selezionate vengono allevate all’aperto e non vengono rasate in eccesso.

Articoli decorativi

In termini di oggetti decorativi, spesso è sufficiente evitare l’uso primario degli oggetti di uso quotidiano per creare splendidi elementi decorativi. Ad esempio, perché non riutilizzare le bottiglie di vetro per creare vasi? O perché non raccogliere un vecchio ceppo di albero per creare un tavolino da caffè? Lascia che la tua immaginazione funzioni!

Infine, ovviamente, nessuna decorazione sarebbe completamente verde senza piante! Soprattutto perché le piante verdi, oltre a conferire un tocco naturale e piacevole a una stanza, svolgono un ruolo essenziale in un interno. E per una buona ragione, molti di loro sono in bonifica e quindi hanno la capacità di purificare l’aria.

Ti suggeriamo anche due prodotti molto interessanti:
1. Faretto LED
2. Faretto LED da Incasso per cartongesso

Potrebbe interessarti anche: Prestiti personali: quali finanziamenti online valutare

Francesco De Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *